In limine mortis

13,00

Elisabetta, stanca e insoddisfatta, decide di dare una svolta alla propria vita affidandosi a un maestro spirituale, ma proprio all’alba di questo nuovo inizio, durante la pratica di una meditazione camminata, Elisabetta viene improvvisamente colpita da un malore e si accascia a terra priva di sensi. Mentre un passante tenta la rianimazione, il suo spirito lascia il corpo e comincia un doloroso e invisibile cammino al fianco dei suoi cari, affranti dalla sua prematura scomparsa.
Tutto sembra crudelmente ineluttabile e Elisabetta assiste impotente all’organizzazione di un funerale che disapprova in ogni dettaglio. Solo l’arrivo del misterioso Cristal sembra dare una prospettiva nuova a ciò che le sta accadendo.

L’autrice
Consuelo Pinna nasce a Cagliari il 26 aprile 1975. Dopo un improvviso ictus ischemico che colpisce il figlio appena dodicenne, si riavvicina alla scrittura, una vecchia passione, come metodo di autoterapia. Si dedica a letture sulla neuro plasticità del cervello e sull’alchimia trasformativa. Frequenta diversi corsi on line di scrittura creativa.
Nel 2018 partecipa al concorso letterario “Le pagine del Natale” indetto dalla casa editrice L’ArgoLibro con il racconto La prima neve, inserito nell’antologia con autori vari. Nel 2019, sempre con L’ArgoLibro, pubblica il racconto La mano nell’antologia “Il risveglio del mattino”.

Categorie: , ,

Informazioni aggiuntive

Pagine

170, brossura

Prima edizione

maggio 2021

Dimensioni

12×18

EAN

9791280273086