Sordello da Goito e l’Italia peninsulare. Rapporti con l’Abruzzo e il territorio peligno

5,0010,00

“Che legame esiste tra Sordello da Goito e un piccolo paesino dell’entroterra abruzzese, Civitella Messer Raimondo?”

Civitella Messer Raimondo, come tanti comuni dell’entroterra abruzzese, si identifica con il proprio castello che dalla sommità del paese, oggi come un tempo, vigila sul territorio circostante. Dalle sue frazioni a nord e a sud, Colle San Leonardo e Piano Risorgimento, lo spettacolo che si offre all’osservatore è identico: una piramide all’apice di una collina che domina da una parte, la valle del Verde e dall’altra la valle dell’Aventino, con alle spalle la Majella e in fondo, lontanissimo, il Mare Adriatico. Un villaggio, insomma, caratterizzato da una grandiosa scenografia naturale; eppure, non è solo questo l’aspetto che ne indica l’unicità. Nel suo nome si nasconde infatti un’origine prestigiosa, risalente a un’epoca remota, che l’attuale amministrazione ha avuto il merito di indagare. Attraverso un approfondimento che, ripercorrendo le vicende umane e artistiche di un personaggio mossosi ai confini tra realtà e leggenda, quale Sordello da Goito, si è giunti a teorizzare un possibile legame tra le origini del luogo in quanto entità comunale e il celebre trovatore medievale, ampiamente elogiato da Dante nella Divina Commedia. I settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, di cui l’Italia celebrerà la ricorrenza durante l’anno 2021, sono stati quindi un’occasione per dimostrare come la Grande Storia possa intrecciarsi con le mille piccole storie in cui noi italiani viviamo, senza spesso averne piena consapevolezza e, soprattutto, l’orgoglio.

L’autore
Aldo Di Virgilio è laureato in giurisprudenza e lavora come funzionario amministrativo. Ha conseguito due master di II livello in ambito socio-sanitario e sul diritto farmaceutico, rispettivamente presso l’Università Roma Tre e la LUISS Business School of Management, entrambe a Roma. Giornalista pubblicista e appassionato di scrittura, ha pubblicato due raccolte di racconti, La strategia del batticoda (Fazi, 2001), Sette Piccoli Fanti (Carabba, 2006), due romanzi, Il codicista (Argentodorato, 2017 e Amanita Phalloides (Argentodorato, 2018), e il saggio Disseminazioni: come orientarsi nel caos tempestoso delle parole (Argentodorato, 2019).

Svuota
COD: N/A Categorie: ,

Informazioni aggiuntive

Pagine

142, brossura

Prima edizione

febbraio 2021

Dimensioni

15×21 cm

Versioni

Cartaceo, Ebook

EAN

9791280273017, 9791280273055